Tutorials
 

esami di stato - sistema informativo itcs gaetano salvemini




Carlo Braga) 1 Documento del Consiglio di Classe Elenco dei candidati interni ed esterni Classe: 5BE Anno Scolastico: 2010 - 2011 Numero candidati interni: 19 Cognome e Nome Numero candidati esterni: Provenienza 1. BENTIVEGNA PATRIZIA 0 ITC Salvemini Documento del Consiglio di Classe 1. Scheda Informativa Generale Docenti del Consiglio di Classe Docente STANGHELLINI CRISTINA Materia LINGUA E LETTERATURA Classe/i Membro Interno (SI/NO) SI ITALIANA STORIA BARONE MARGHERITA DIRITTO ED ECONOMIA PER NO L’AZIENDA MORETTI SILVIA STORIA DELL’ARTE E DEL SI 2 TERRITORIO CUCCHEDDU LAURA MARIA PRIMA LINGUA STRANIERA NO INGLESE BOUSSAND CHANTAL SECONDA LINGUA NO STRANIERA - FRANCESE GUISE SOPHIE CONVERSAZIONE NO FRANCESE GIORDANO PAOLA TERZA LINGUA STRANIERA NO SPAGNOLO VALDIVIA MAYA CONVERSAZIONE NO SPAGNOLO FACCIOLI FABIO MATEMATICA APPLICATA SI PASSUTI ANDREA GEOGRAFIA GENERALE ED NO ANTROPICA ACERBO SILVIA EDUCAZIONE FISICA NO MARCHINI GIANSTEFANO RELIGIONE NO D’ONOFRIO SERENA SOSTEGNO AD02 NO VITULLI ANTONIA SOSTEGNO AD04 NO PUGNALIN ILARIA SOSTEGNO AD01 NO CAMILLO 2.

Storia della Classe ( situazione iniziale ed evoluzione nel corso del Triennio ) La classe è composta da 19 alunni, di cui un unico alunno maschio e una alunna certificata che ha sempre seguito una programmazione differenziata. Dell’attuale gruppo-classe, quindici alunni provengono dalla 1 B Erica, gli altri quattro da altre sezioni e due hanno ripetuto un anno nel corso dei loro studi.

Overview
Fin dal biennio sono state evidenziate le buone potenzialità della classe e il buon livello raggiunto per gli alunni ammessi alla classe terza. Dalle analisi dei verbali della classe terza sono emerse alcune carenze nell’area matematica e nella comprensione dei testi, ma le insegnanti hanno evidenziato una buona propensione al miglioramento delle conoscenze e formulato un giudizio positivo per il profitto raggiunto e la partecipazione costruttiva al dialogo educativo. A partire dal quarto anno di corso, tuttavia, la classe ha evidenziato una progressiva polarizzazione in due gruppi, uno serio e motivato allo studio, in possesso di una solida base di partenza e l’altro che ha registrato un calo nella partecipazione e nell’impegno rispetto agli anni precedenti.

Comincia da allora a crearsi una spaccatura nella classe con, da una parte un gruppetto di alunni che tende verso l’eccellenza, dall’altra alunni rimasti molto scolastici nell’approccio allo studio e incostanti nell’impegno individuale; questi ultimi hanno mostrato difficoltà nella rielaborazione personale delle singole discipline 3 e nella capacità di affrontare confronti interdisciplinari. Questa divisione della classe in due gruppi ha avuto anche una certa incidenza nei rapporti interpersonali. Nell’ultimo anno di corso, la classe ha dimostrato una certa maturità nell’interazione sia all’interno del gruppo sia nei rapporti con i docenti, anche se ci si aspettava da parte di alcuni una maggiore responsabilità nell’affrontare uno studio che dovrebbe essere propedeutico per la formazione post diploma.

Il gruppo migliore ha conseguito una positiva evoluzione intellettiva e culturale che ha consentito di elaborare una propria visione del mondo e della realtà;lo stesso, dotato di motivazioni lusinghiere e di un approccio critico e non solo scolastico allo studio, mira a raggiungere la conoscenza e ha ottenuto risultati brillanti. L’altro gruppo, al contrario, si è distinto per frequenza discontinua e per una limitata disponibilità all’approfondimento autonomo, manifestando un’evidente demotivazione accompagnata da scarso impegno, comunque finalizzato alle verifiche e non a una preparazione più personale e critica. Alcuni studenti della classe hanno partecipato, nel corso del triennio, alle varie attività extra-curricolari offerte dall’istituto: attività di preparazione alla certificazione linguistica, corsi ed esami ECDL, visite guidate, incontri con esperti, scambi con l’estero, stage ed esperienze di orientamento in uscita, nonché partecipazione a spettacoli teatrali anche in lingua straniera.

Attività pluridisciplinari svolte durante l’anno in corso e obiettivi raggiunti Non sono state previste specifiche attività pluridisciplinari nel corso dell’anno. Gli insegnanti hanno comunque sempre tenuto in considerazione il programma dell’ultimo anno nelle diverse discipline, sottolineando o realizzando quando possibile riferimenti e collegamenti anche in considerazione dei percorsi individuali da presentare al colloquio di esame e dello svolgimento del colloquio stesso. Una tematica che è stata trattata sotto diversi aspetti (lingue straniere, arte, economia) è quella relativa al turismo.

Attività di recupero svolte durante l’anno in corso e obiettivi raggiunti • Recupero in itinere in tutte le discipline. • Partecipazione ai corsi di recupero in Spagnolo, Francese, Inglese, Lingua e Letteratura Italiana, Storia, Matematica Applicata, Diritto ed Economia per L’Azienda durante la settimana dedicata ai corsi di recupero in Febbraio • 5. Sportello didattico per Storia dell’Arte Attività svolte durante l’anno scolastico nell’area di progetto e obiettivi raggiunti 4 Titolo La valenza degli stages nel corso di studio ERICA Argomenti trattati e/o Sono state eseguite statistiche sui risultati espressi in seguito ai vari stages materie coinvolte effettuati durante il percorso di studio.

capacità di interagire, collaborare e produrre all’interno di un gruppo, nell’interscambio di ruoli e funzioni; capacità di realizzare autonomamente e/o guidati una ricerca ; capacità di analizzare materiale documentario di vario tipo; capacità di rielaborare personalmente e/o guidati conoscenze, concetti, valutazioni, operando confronti e collegamenti in senso diacronico e sincronico ; capacità di utilizzare un linguaggio, scritto e orale, chiaro ed efficace per esporre i risultati del proprio lavoro di ricerca e/o di compilazione; capacità di ricostruire attraverso un opportuno uso delle fonti le coordinati sociali economiche e culturali di alcune esperienze collegate alla vita scolastica; capacità di legare i dati e i risultati del lavoro di approfondimento svolto, con conoscenze e riflessioni ad esso attinenti, relative alle aree disciplinari curricolari ed agli argomenti svolti al loro interno nell’anno scolastico. Metodi utilizzati durante l’attività didattica, utilizzo di laboratori e strumentazioni didattiche Sono stati adottati i seguenti metodi didattici: • Lezione frontale • Lezione interattiva • Lavoro a coppie/gruppi • Discussione in classe, con interventi spontanei o sollecitati Sono stati utilizzati seguenti strumenti: • Manuale e/ fotocopie • Laboratorio di Lingue • Laboratorio di Informatica • Registratore, videoregistratore • Aula video con power point • Palestra 5 7. Criteri e strumenti di valutazione Strumenti per la verifica • • • Strumenti utilizzati per la verifica formativa: • • Strumenti utilizzati per la verifica sommativa: • • • • • • • • • Domande flash Rapida sintesi della lezione precedente Esercizi alla lavagna e/o in gruppo e correzione immediata Discussione lavori di gruppo Esposizione orale di un testo Interrogazione lunga Interrogazione breve Tema Prove strutturate/semistrutturate Questionario a domande aperte Relazione Problemi/esercizi Lettura e analisi di testi con questionario relativo ( lingue straniere ) Corrispondenza turistica e commerciale, itinerari ( lingue straniere ) Fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale • Raggiungimento degli obiettivi minimi disciplinari • Metodo di studio • Partecipazione all’attività didattica • Impegno • Progresso nell’apprendimento • Livello della classe 6 Criteri per la corrispondenza fra voti e livelli di conoscenza e abilità: (secondo quanto definito nel POF) Valutazione in decimi Livello Quando lo studente: Gravemente  insufficiente   Non dà alcuna informazione sull’argomento proposto; Non coglie il senso del testo; La comunicazione è incomprensibile.




Latest pages




Other tutorials

About us-Contact us